VERSO UNE FLÈCHE

di_Francesca Cinalli e Paolo De Santis

con_Francesca Cinalli e la complicità di_Sara Girardo

Paesaggio sonoro_Paolo De Santis

Oggetti di scena_Massimo Giordani/L'HO (target); Tony Cinalli (trepiede in legno e copricapo); Mariano Corda (freccia in ferro battuto)

Produzione_Tecnologia Filosofica

nell'ambito di_Progetto Workspace RicercaX

si ringrazia per gli attraversamenti creativi compiuti: Atelier di Carolyn Carlson (maison de la danse - Paris) / Ornella D'Agostino - Carovana smi - Cagliari - Geografie Sommerse / Bachi da Setola - Polignano a mare(BA) / NiN nuove interpretazioni- Sarzana(SP) / Workspace RicercaX

PREMIO ECEPLAST 2017 / FESTIVAL TROIA TEATRO:

"...per l'originalità della proposta relativa al tema del rito, sviluppata in un uso rigoroso del corpo delle due danzatrici-performer, inserite in uno spazio che si estende oltre il limite scenico convenzionale. Per l'utilizzo di materiali ed elementi simbolici pensati e costruiti seguendo un processo artigianale curato nei dettagli; per l'esperienza estetica offerta al pubblico attraverso una complessa struttura drammaturgica di spazi e corpi che riconduce lo spettatore verso gli archetipi esistenziali: la vita e la morte". premio Eceplast - XII Festival Troia Teatro 2017 assegnato a "Verso une flèche" di Tecnologia Filosofica (Francesca Cinalli, Paolo De Santis e Sara Girardo). Motivazione della Giuria composta da MariaTeresa Surianello(Tutto Teatro), Alessandro Toppi(Il Pickwick), Nicole Jallin(Tempi.it)

 

          "sono io che tendo l'arco o è l'arco che mi tende alla massima tensione?" da Lo Zen e il tiro con l'arco, Eugen Herrigel

           

Verso une Flèche trae spunto dalla ricerca sulla freccia e dalla sua forte carica simbolica, per parlarci di un universo archetipico che travalica i tempi e arriva fino ai giorni nostri.... Nel grande caos mediatico sociale, qual'è la giusta direzione da seguire? 

Una danza rituale tra mucchi di pelli trafitte; un paesaggio sonoro di pensieri e parole sul rito del tiro con l'arco; un target realizzato con quotidiani intrecciati; un'ideale linea di tiro e...una freccia: tra l'attimo che precede lo scoccare e il suo bersaglio si dilata il tempo. Una meditazione sul maschile e il femminile; chi è la vittima, chi il carnefice, l'istinto primordiale della caccia; il tallone di Achille; la freccia di Eros...un rituale senza parole sotto il crepitio di una pioggia costante, al tempo stesso presagio del diluvio e dono divino. Nei tempi aridi dell'oggi, un'invocazione al "sacro" per unire il cielo alla terra, l'etereo al greve. In attesa del secondo avvento....ci prepariamo, ci orientiamo, ci predisponiamo al tiro. Queste ed altre suggestioni per un pubblico invitato a prendere parte all'esperienza.

foto ©Andrea Macchia; ©Barbara Calì torinocity

 


VIDEO


VIDEO DELLA RESIDENZA A RICERCA X

Contatti

Tecnologia Filosofica

Corso Giulio Cesare 14
Torino, TO, 10152
ITA

  +39 011 655073

  

  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  contact