IN SUPERFICIE

di_Francesca Cinalli e Paolo De Santis

Coreografia e danza_Francesca Cinalli

Piano sonoro_Paolo De Santis

Luci_Cristian Perria

Produzione_Tecnologia Filosofica

si ringrazia per il sostegno e l'ospitalità Mosaico Danza, La Piattaforma teatro coreografico torinese, Morenica Cantiere Canavesano, Theatre Durance di Château Arnoux (projet transfrontaliere C.A.T.), Pavillon Noir di Aix en Provence, C.ie Genevieve Sorin di Marseille, Reiss arti Performative, Bagni Pubblici di Via Agliè - Torino

PREMIO ERMOCOLLE 2016, palio poetico teatrale musicale

"L'atto del pulire è legato alla creazione. Esso è positivo, potente, non il semplice mezzo per togliere via lo sporco" L'attore invisibile /Yoshi Oida

        

In Superficie è un lavoro dedicato al significato profondo che sta dietro all'atto del pulire. Un lavoro "al femminile" esplorato in una dimensione tra il pubblico ed il privato. il contrasto tra il pulito e lo sporco, il bianco e il nero, l'illuminazione e l'oscurità si gioca su un ideale campo di battaglia: il bagno, vero e proprio tempio domestico dei giorni nostri. Ispirati dalla quantità di immagini e parole che il tema dell'igiene personale ha prodotto nel corso del tempo: dalle cartoline francesi, alle pubblicità del sapone, dai cataloghi degli idraulici, alle storie sui fidanzati sporchi, sino alla doccia e al rito della vasca da bagno, scorrono come in un film muto sequenze del quotidiano tragicomico, in un concerto per bidet, stura-lavandini, tubature e interferenze radio.

"Un teatro di danza" nel quale danzano anche gli oggetti della quotidianità: una volta agiti, essi trasfigurano, diventano altro, come rivelano peraltro i turbamenti dell'arte contemporanea femminile dagli anni'80 ad oggi. L'ambiente sonoro gioca con "le sporcature" prodotte dalla sovrapposizione di suoni e rumori domestici, perlopiù sgradevoli, e le interferenze radiofoniche con arie di provenienza operistica,...a quanto pare le più indicate per poter svolgere un buon lavoro di pulizia.

foto in urbana ©Luca Giabardo |  foto in teatro ©Gaetano Lo Presti, ©Giorgio Sottile, ©Ewa Gleisner

 


IL VIDEO

LE RECENSIONI

"La danzatrice Francesca Cinalli con il paesaggio sonoro di Paolo De Santis riesce, in passaggi che rivelano un'intensa potenza espressiva, a ironizzare sul nostro bisogno spesso ossessivo di pulizia, di igiene, ma anche a svelare la voglia di sognare, di portare la mente altrove, intrecciando gesti automatici della quotidianità e desideri di sperimentare una vita diversa, sapendo far sorridere con una creazione originale e molto coinvolgente".
Castello di Torrechiara(PR), 12 agosto 2016 Motivazione della giuria Critica, Palio poetico Ermocolle 2016
"Divertente, ironico, coinvolgente. Qual è il rapporto che ciascuno di noi ha con il bisogno di pulizia? Si mette ordine "in superficie" forse per nascondere qualcosa? Rispecchiamenti tra fuori e dentro tra visibile e invisibile, quanto si svela o si nasconde?  Brani musicali noti e avvolgenti si alternano a suoni d'acqua, bolle rimbalzanti, rumori di una quotidianità appartata tra gorgoglii di tubi e brontolii di condutture,...in ginocchio?...sembra ci sia bisogno di una rassicurazione cerimoniale e invece ecco la filastrocca: "Apelle, figlio di Apollo"...la Cinalli danza con elegante energia il riscatto di una quotidianità ripetitiva. Pulire...pulire anche se stessi su un podio con un morbido piumino, vivere contemporaneamente realtà e immaginazione: con un sorriso, la danzatrice toglierà il tappo dal bidet, sulla scia di lunghi e divertiti applausi del pubblico".
Valeria Ottolenghi, Gazzetta di parma, 5 agosto 2016 Lesignano de'Bagni(PR)

Contatti

Tecnologia Filosofica

Corso Giulio Cesare 14
Torino, TO, 10152
ITA

  +39 011 655073

  

  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  contact